NATALE E CAPODANNO IN CATALUNYA

La Catalunya è un luogo speciale dove passare le festività invernali tra celebrazioni popolari ed usanze uniche. Scoprire la vera anima della regione immergendosi nelle sue tradizioni – alcune davvero antichissime -, è fonte di vero divertimento e talvolta di puro stupore. Dalla Costa Brava alla città di Barcellona passando per la Costa Daurada, ecco cosa non perdere in Catalunya nel periodo delle feste.

Shopping di Natale e personaggi della tradizione

I mercatini di Natale sono parte integrante della tradizione catalana. Dal 6 al 10 dicembre si tiene a Vic il Mercat Medieval, che riscuote ogni anno sempre più successo. Sono tante le bancarelle di prodotti tipici e artigianato locale dislocate nel centro storico di questa cittadina medievale ai piedi dei Pirenei, in un contesto in cui non mancano le attività ricreative rivolte ai visitatori di tutte le età: musica, esibizioni di volo di rapaci, balli e spettacoli di artisti di strada riempiono i vicoli e contribuiscono in modo determinante a guidare i più curiosi alla scoperta del passato. Una particolarità di questo mercato è anche il forte aspetto culturale acquisito grazie alla messa in scena – in diversi siti privilegiati della città – de L’Assalt de l’Altarriba, la rievocazione storica di eventi e battaglie che hanno realmente avuto luogo a Vic nel XV secolo.

Da fine novembre all’antivigilia di Natale invece, a Pla de la Catedral in centro a Barcellona si tiene la Fira de Santa Llúcia, giunta nel 2017 alla sua 231esima edizione. Tante le novità previste quest’anno per celebrare questo anniversario: stand rinnovati, nuove luci natalizie ed eventi per bambini. Tra questi immancabile il Tió Gigante, un evento dedicato a uno dei personaggi natalizi catalani più amati dai piccoli in Catalunya, il Caga Tió, un tronco tagliato che ricorda un folletto, che “produce” dolcetti e caramelle per i bimbi che lo avranno nutrito e curato durante tutto l’Avvento. Alla Fira de Santa Llúcia è possibile trovare regalini inediti per i propri cari, articoli di artigianato locale e decorazioni natalizie per la casa e per il presepe, tra cui il celebre Caganer, un contadino accovacciato che trae le sue origini dalla tradizione popolare ed è considerato simbolo di prosperità e fortuna, che non può mancare nascosto in un angolo dei presepi catalani. 

I presepi viventi e quelli di…sabbia

Sono molti i presepi viventi in Catalunya, specie in Costa Brava e nei Pirenei di Girona: nelle cittadine di questa regione questa tradizione si mantiene viva di generazione in generazione. Il più famoso presepe vivente in tutta la Catalunya però, è quello della cittadina medievale di Corbera de Llobregat, poco lontano da Barcellona. Ogni anno dal 1962, da inizio dicembre e fin dopo l’Epifania, la Natività viene inscenata – ogni fine settimana e nelle giornate di festività – in una location davvero unica e suggestiva, curata nei minimi dettagli per renderla il più simile possibile alla Notte Santa come tutti la immaginiamo.

Anche in Costa Daurada è possibile assistere alla rappresentazione di molte Natività, e al presepe che dal 1999 lascia a bocca aperta grandi e piccini. Sulla spiaggia di La Pineda, a Vila-Seca, scultori provenienti da tutto il mondo si occupano della costruzione delle diverse scene della nascita di Gesù con la sabbia. Il risultato è un monumento effimero che stupisce per la qualità dei dettagli e la perfezione delle forme. Anche i più piccoli sono chiamati ad armarsi di secchiello e paletta e collaborare nella realizzazione dell’opera.

Anno nuove, feste nuove

In Catalunya una delle usanze tipiche legate al Capodanno è mangiare 12 acini di uva: consumati uno dopo l’altro al ritmo dei rintocchi della mezzanotte, sono considerati portafortuna per tutto il nuovo anno. Il brindisi al nuovo anno non può che essere fatto con le bollicine di un ottimo DO Cava, pronti a festeggiare il Capodanno in grande stile tra spettacoli pirotecnici e concerti nelle tante e colorate feste in piazza in tutte le città catalane.

Il 5 gennaio poi arrivano i Re Magi, ed è questo il momento in cui i bimbi ricevono finalmente i propri doni, che in Catalunya non sono portati da Babbo Natale né dalla Befana, ma proprio dai re provenienti dal lontano oriente. La loro venuta nelle case catalane è anticipata da una parata di carri che si tiene in quasi tutte le città della regione e si chiama Cavalcada dels Reis Mags. In occasione dell’arrivo dei Magi, c’è una tradizione molto popolare: mangiare una ciambella chiamata tortell de Reis, che viene riempita secondo il gusto con marzapane, zucca o marmellata, ed è spruzzata con frutta glassata, pinoli o mandorle tritate. All’interno dell’impasto vengono nascosti un piccolo re e un fagiolo: chi trova il re verrà incoronato per un giorno, mentre a chi trova il fagiolo toccherà pagare una cena per tutti.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...